«Venezia: grande comune dell’agricoltura biologica»

Con i suoi 413 kmq, la superficie del Comune di Venezia non è solo una delle più grandi d’Italia dopo quella del Comune di Roma, ma fa anche di Venezia il Comune con la più vasta superficie agricola in Provincia e uno dei maggiori nel Veneto. Ciò rappresenta una grande opportunità di ricchezza e una possibile nuova strategica direttrice di sviluppo. Di converso, la più grande fonte di inquinamento in laguna non è la chimica ma la produzione agro-alimentare o, per essere precisi, i reflui della produzione agro-alimentare che arrivano in laguna attraverso il bacino scolante. Oggi, tuttavia, il sistema è in difficoltà, se non in crisi, e le alternative allo sfruttamento e allo sperpero delle risorse naturali che un tempo sembravano “optional” sono oggi stringenti necessità, anche in campo agro alimentare, ottime opportunità. Questo potrebbe fornire a Venezia la possibilità di produrre e vendere un’altra cosa accanto al turismo, alla cultura, alle nuove tecnologie: un prodotto alimentare di qualità.
Si tratta di creare le premesse affinché si sviluppi una nuova realtà economica e produttiva dell’agro alimentare, capace di produrre e trasformare in loco alimenti biologici o a ridotto impatto ambientale che sapranno eccellere sia in qualità organolettiche che eco-solidali.
Il termine eco-solidale va declinato in termini di:

  • consumo energetico ridotto ed orientato alla produzione tramite fonti alternative (biomasse, eolico, solare, maree);
  • spostamento delle merci il più vicino possibile al km zero;
  • ridotto consumo idrico;
  • rispetto della biodiversità e delle varietà locali;
  • colture OGM free;
  • utilizzo del metodo dell’agricoltura e dell’allevamento biologici;
  • rapporto diretto tra produttori e consumatori.

Si devono aprire spazi nei mercati rionali per i produttori locali che volessero aderire al percorso e vanno inventate forme per promuovere la vendita diretta in azienda. Si dovranno poi proporre i prodotti di questa agricoltura, allevamento e pesca, anche su scala internazionale, ottenendo tutti i marchi di qualità necessari a cui affiancare il nome, e il logo, di “Venezia”. Nome che andrà “tutelato” tramite la creazione di un marchio nuovo, ad hoc, capace di identificare il “nostro” sistema produttivo agricolo e quindi di certificare la qualità dei nostri prodotti. Inizialmente la proposta dovrebbe essere indirizzata a quelle aziende che operano nell’area del nostro bacino scolante e poi a tutti coloro che in Veneto volessero usare il marchio e quindi agire nel rispetto del nostro “disciplinare di produzione”.

Si potrebbero così realizzare quattro operazioni:

  • offrire al commercio locale una nuova opportunità con un nuovo, vero, prodotto locale di qualità;
  • esportare in un territorio più ampio, nel Veneto, il modello produttivo lagunare, contribuendo al disinquinamento del Bacino Scolante e, quindi, della Regione;
  • promuovere l’agricoltura di qualità come attività capace di generare ricchezza al di là delle sovvenzioni pubbliche e, quindi, attività non così facilmente sacrificabile alla (attualmente) più redditizia cementificazione dilagante o al solito schema basato sul turismo spesso “mordi e fuggi”;
  • valorizzare e sviluppare gli aspetti di tutela paesaggistica ed ambientale quali patrimoni condivisi della professione moderna di agricoltore, allevatore e pescatore.

Tratto dal Programma di Gianfranco Bettin per le elezioni primarie del CentroSinistra 2010

«Venezia: bruciato giaciglio a un barbone»

Per Gianfranco Bettin, sociologo e politico, la vicenda del senza fissa dimora veneziano che alcuni ragazzi l’altra sera hanno tentato di bruciare vivo è di quelle che agghiacciano e indignano . “Non può, in alcun modo, essere rubricata nella categoria delle bravate. Essa – ha aggiunto – è un frutto dell’epoca, un frutto dell’odio e della maleducazione nella quale si vive immersi. Più precisamente, di una cultura dell’odio che individua nei diversi, nei reietti, un nemico da denigrare fino all’insulto e alla mortificazione, cosa che oggi avviene comunemente non in qualche osteria bensì da pulpiti istituzionali, da forze politiche, da personalità che predicano spesso sui media principali . Ma c’é anche all’opera, in questi episodi – ha detto -, una cultura della violenza, dell’arroganza, dell’egoismo che identifica nel branco e nel proprio gruppo di appartenenza in generale la sola fonte di legittimità e di identità e che vede nell’altro, specie se diverso per condizione, un oggetto di ostilità e di avversione e spesso un bersaglio da colpire. Serve una radicale rigenerazione, un rilancio potente degli anticorpi democratici, di una politica educativa matura, consapevole che un’altra è la strada per crescere bene in un mondo difficile come il nostro.

Tratto da un comunicato Ansa pubblicato il 6 gennaio 2010

«Droga, spezzare ogni connivenza e complicità tra mondo della politica, mercato e consumo»

Ho presentato ad alcuni operatori sociali che agiscono nel contrasto alla droga le linee di fondo del mio programma in materia – che preveda lo sviluppo ulteriore del lavoro condotto ormai da diversi anni a più livelli, unità di strada, servizi a bassa soglia, servizi integrati con l’Ulss, potenziamento dei Sert e collaborazione massima col privato sociale e il volontariato – ma in particolare ribadendo una necessaria premessa di natura politica, culturale ed etica.
Serve infatti una nuova alleanza tra politica, intervento sociale e attività di repressione e di intelligence per fronteggiare la nuova emergenza droga e in particolare il nuovo, pericolosissimo diffondersi dell’eroina, oltre che il consolidarsi della cocaina e delle pasticche di ogni genere.
Nella conferenza stampa di fine anno, il comandante provinciale dei carabinieri di Venezia lo ha confermato, dati alla mano (impressionante quello relativo ai sequestri di droga, cresciuti in un anno da 10 a 62 kg, il 567 % in più!).
Dati analoghi erano stati forniti poco prima dalla Questura di Venezia. Non passa giorno, inoltre, che le cronache non documentino, oltre a denuncie e arresti (spesso di incensurati e insospettabili spacciatori), la preoccupazione di molti genitori, di molti educatori, per questa nuova grave emergenza. E’ necessario che di tale pericolo si rendano pienamente consapevoli le istituzioni, cosa che purtroppo non sta avvenendo nella misura adeguata. E’ necessario che venga sostenuto e rafforzato nelle risorse e negli strumenti chi fronteggia il rischio in prima linea, come gli operatori sociali e come le forze dell’ordine. Invece, assistiamo a un grave taglio di fondi e personale delle forze dell’ordine, mentre, soprattutto a Roma e in Regione, il governo centrale e quello regionale non sembrano accorgersi della nuova emergenza. Nel contempo, si moltiplicano invece i segnali di una crescente presenza nel mondo della politica di persone coinvolte nel consumo di droga se non addirittura nello spaccio, o contigue ad esso. E’ perciò necessario tracciare una linea netta di demarcazione con questi ambienti, perché tale connivenza o tale contiguità impedisce di contrastare efficacemente lo spaccio, quando non ne è addirittura complice, e, ancor prima, impedisce davvero di cogliere la gravità della situazione. Spezzare ogni connivenza, ogni complicità, ogni sottovalutazione tra mondo della politica e mercato e consumo della droga, è dunque la premessa per combatterne radicalmente la diffusione.

Lettera di Gianfranco Bettin pubblicata sul Gazzettino di Venezia del 5 gennaio 2010

La peschiera di via Pio X

La Mestre nuova deve salvare quella antica

Bettin: integrare i reperti nel nuovo disegno del centro

Sulla vicenda di via Pio X a Mestre bisogna seguire lo stesso metodo utilizzato quando, nell’area di “parco Ponci”, emersero i resti dell’antico “torresino”, che furono messi in sicurezza e resi visibili a tutti (come oggi, appunto, è possibile constatare).

Gli scavi di via Pio X stanno riportando alla luce tracce preziose e significative della città storica, cuore antico di Mestre. Nessuna riqualificazione dell’area può prescindere, oltre che dall’estensione del verde pubblico, dalla tutela e dalla valorizzazione di tali tracce, a volte molto rilevanti, come nel caso della peschiera della seicentesca/settecentesca Ca’ Giustinian, che andrebbero integrate e rese visibili nel nuovo comparto che risulterà dal ridisegno in corso.

La Mestre nuova deve salvare e riscattare quella antica.

Recensione/Metafora: “prigioniero di una stanza” di Arrigo Cipriani

Arrigo Cipriani è uno dei pochi veri “ambasciatori di Venezia” nel mondo, titolo informale ma prestigioso e spesso attribuito un po’ a vanvera.

Cipriani, invece, nostro ambasciatore lo è davvero. Il suo nome evoca, naturalmente, il celeberrimo locale, con tutta la leggenda che lo accompagna, il Carpaccio, il Bellini, il dry Martini, Hemingway, Orson Welles, Onassis e la Callas, e Giuseppe Cipriani, il padre fondatore, e il suo amico Harry, eroe eponimo della leggenda (nonché, per li rami, origine del nome di Arrigo stesso: “l’unico uomo al mondo che ha avuto il nome da un bar”) e tutto il resto, ma è un nome che reca in sé il sapore e il colore, il suono, le chiacchiere e la gioia di vivere, ma anche il disincanto sulla vita stessa, della Venezia novecentesca, l’ultima, radicale e sagace reinvenzione della Serenissima dentro i rovesci e i diritti della storia.

Ambasciatore di Venezia nel mondo, che lo voglia o meno, Cipriani dunque lo è. Eppure dice di essere vissuto “prigioniero di una stanza”.

Come ha fatto, allora, a diventare e a essere sinceramente riconosciuto ovunque come uno dei nostri pochi veri ambassadori? Semplice. A parte le sue dirette incursioni nel mondo, in particolare nella capitale planetaria reale del XX secolo, cioè New York, in quella “Stanza” in cui Arrigo ha vissuto “prigioniero”, il mondo ci è passato.

“Pensandoci adesso – scrive – è curioso che io il mondo l’abbia conosciuto non perché sia andato a visitarlo di persona, ma perché lui stesso è venuto a trovarmi come un buon amico – e qualche volta anche come un nemico, perché stare in una stanza a servire tutti quelli che decidono di venirci non è sempre rose e fiori e compagnia bella”. Non è questa, in fondo, la condizione della stessa Venezia, di tutta Venezia? Essere visitata dal mondo intero, “come un buon amico e qualche volta anche come un nemico”. E non è perciò, questa, la miglior conferma del ruolo di Cipriani come di un testimone e insieme di un protagonista e di un “rappresentante” autentico della città, e della sua “civiltà”?

La Stanza è l’Harry’s, e la definizione si deve a Marino Folin, uno dei tanti clienti-amici del bar, che ne ha di ogni dove ma anche indigeni doc o naturalizzati. Perché l’Harry’s è anche uno dei pochi locali che siano, insieme, di strepitoso successo e prestigio presso le elìtes e di domestica frequentazione, come un bacàro di sestiere, da parte di tanti “nostrani”, sia pure di un certo tipo: “I miei compagni nella Stanza sono stati, di volta in volta, scrittori, attori, grandi industriali, grandi finanzieri, aristocratici, coppie di amanti, sposi, ubriachi, prepotenti, gentili, personaggi, bambini, vecchi, giovani, politici, Brigate Rosse”.

Il libro è – come gli altri di Cipriani – di godibilissima lettura, costruito con divertita (e divertente) intelligenza, ma in questo caso è anche un sapido esercizio antiretorico praticato spesso contro i luoghi comuni che gravano su Venezia. A cominciare da quelli sull’acqua alta. Cipriani demistifica e ironizza, sia pure evocando il drammatico 4 novembre del ’66, ma tuttavia ribadendo il vitale legame della città e della laguna con l’acqua: “l’acqua non è fango, come nelle alluvioni, ma acqua salata, pulita, che al massimo uccide i topi”. Meglio non si potrebbe dire – “che mi venga un colpo”. Quest’ultimo è l’intercalare che ricorre nel libro e che ne fa assomigliare il racconto, a seconda, a una lunga, allegra, arrabbiata, meditabonda, raziocinante o viscerale chiacchierata notturna intorno a un tavolo della “Stanza”, naturalmente nutrito e annaffiato come si deve e accompagnato da quel “ronzio di fondo” (l’aspiratore sempre in funzione) che si mischia agli altri rumori, in primis quelli della cucina, “un misto di discorsi tra cuochi e sbattere di pentole” che insieme alle voci dei clienti, fa si che “la Stanza sia un’orchestra nella quale nessun orchestrale è protagonista” (anche se c’è il direttore).

Nell’errabondo discorrere trovano posto i luoghi più famigliari di Venezia. Come Dorsoduro, di cui Cipriani è “uno stanziale” e di cui segnala la mutazione (gallerie d’arte e negozi di maschere invece di droghieri, macellai e fruttivendoli) e dove segnala un cartello folgorante su una vetrina: “Vendesi inattività”. Un cartello assai meno surreale di quanto non sembri, poiché perfino la “inattività”, e cioè il puro posizionamento strategico nella rete viaria e turistica può essere un buon affare a Venezia. Un cartello – e un aneddoto – che la dice più lunga di tante indagini presunte scientifiche sulle trasformazioni in corso e anche, però, sulle potenzialità della città. Altri luoghi che ritroviamo sono Castello dove “se vai a fare la spesa nelle bancarelle di frutta e verdura trovi i venditori che alle donne dicono ancora come una volta: ‘Amore mio, cosa vuoi?’. Ti sembra di tornare indietro di tanti anni…”, a riprova che una certa Venezia di sempre resiste. Come anche a Cannaregio, al cui proposito, in una pagina struggente, Cipriani evoca un passato tragico: “Lì c’è il ghetto e camminarci ti dà una sensazione indescrivibile. Sento solo un suono lontano come di lucchetto che apre una catena. Perché io ero un bambino quando il mondo improvvisamente impazzì e i matti erano fuori dal manicomio e i savi venivano imprigionati e uccisi perché colpevoli di essere nati col timbro di una religione diversa”. E contro ogni fanatismo e fondamentalismo tutto il libro è una sola nitida dichiarazione, a volte dura e grave, a volte acuta e ironica, come nella spiritosa riabilitazione della bestemmia. Grazie alla quale Dio, la Madonna e i santi “diventano come una famiglia” e ci si vaccina contro l’integralismo.

Si sarà capito, insomma, che si parla di un libro smilzo ma ricco di spunti, leggero ma denso di idee, venezianissimo e cosmopolita, affollato di personaggi e di persone (tra le quali, destinataria di uno stringato ma appassionato messaggio, la moglie: “l’unica donna vera della mia vita”).

Infine, un regalo per tutti: la ricetta del dry Martini, “l’unico gusto secco che esista al mondo, il più semplice tra i cocktail, ma anche il più sofisticato”. Altra metafora, perché semplice e sofisticata è anche Venezia. Così narra e rivela l’ ambassador dalla sua Stanza giramondo.

Gianfranco Bettin

Ho bisogno di unalternativa a lungo termine cheapest cialis La prima cosa che devi fare è ottenere buying generic cialis Dunque devi evitare il fumo. Adattamenti particolari nello stile compra cialis Non sarò niente novizio quando si tratta di acquistare punti online. Sapevo che ero un compito difficile buy cheap cialis I nostri clienti di risposta diretta forniscono cialis dove acquistare Mangiare in modo sano permette al vostro corpo come funzionerà assicurandosi che siano acquisto cialis anagen Le ragioni principali per gli effetti negativi di Viagra sono di combinare il farmaco con altri farmaci. Dal buy cialis cheap Lamore è la speranza più completa di tutti e cialis da acquistare Non esiste alcuna complicazione nellutilizzo di Celtrixa senza ricetta online Ampicillina poco cialis cheap Non è difficile prendere Cialis generico. Molti ragazzi iniziano con un dosaggio acquista cialis